Estratti dal Blog

 

>> Qui potete trovare gli ultimi aggiornamenti.


19 Luglio 2012

 

I'll come back soon.

Non disperate, la vostra Stranescenza tornerà molto presto a deliziarvi e... confondervi! [Se vi state chiedendo quando partirà il nostro Instachallenge e quando pubblicherò il bando, ...Pazienza! Non ho intenzione di dirvelo ;) Fatemi un caloroso "in bocca al lupo" per domani: ne avrò bisogno! AAAAaaaAArrghhHhHHhhhhh.]

12 Giugno 2012

 

Tutorial #1 [Disegno del viso]

All rights reserved.
All rights reserved.

Finalmente! Dopo una luuuuuuuuuunga assenza dovuta allo studio matto e disperatissimo per quest'ultimo esame, rieccomi con voi con lo

splendido tutorial che vi avevo assicurato su Instagram!

Lo so, lo so, vi ho trascurati, Vi basti sapere che

ho trascurato anche me stessa. Ma veniamo a noi: QUESTO E' IL MIO PRIMO TUTORIAL

INTEGRALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN RITRATTO. In realtà, ritratto vero e proprio non è, bensì il ritratto del viso che ho immaginato!! Se

volete realizzare anche voi un viso simile a questo, ma soprattutto imparare come elaborare un

disegno, eccovi 10 tips facili facili. Io l'ho realizzato

su un cuscino (!), con la scarsa luce di una piccola lampada e una matita spuntata [essendo una matta furiosa]. Il colore rosaceo delle foto è dovuto al panneggio rosa della mia lampada, e ho cercato di regolare i mezzitoni per rendere il disegno quanto

più nitido possibile, sperando che vi piaccia e che, soprattutto, riusciate a capirci qualcosa! L'ho realizzato così, su un normale foglio A4 (usato comunemente per le stampanti) e con una matita priva di punta, per farvi capire che disegnare non è impossibile e si può fare in qualsiasi condizione e

con qualunque mezzo!
Eccovi gli step, passo per passo. Read more

 

25 Maggio 2012

 

*UN NUOVO PROGETTO PER TE, LETTORE!*


Quante volte noi lettori abbiamo desiderato,

almeno una volta, di essere intervistati al posto dell’autore di turno! Perché non viene data mai

voce ai singoli lettori? Questo è un mistero. 

 

Ciononostante, è arrivato il momento della

riscossa: se hai un libro custodito gelosamente,

un classico nel cuore o un emergente che

rileggeresti fino allo sfinimento, partecipa anche

tu a “READ A READER”, il nuovo progetto di

Maria Cristina Folino promosso da macf.jimdo.com.

 

Di cosa si tratta? Di interviste (online) proprio ai lettori, ai quali sarà data facoltativamente (a discrezione dell’interessato) la possibilità di farsi conoscere anche attraverso le proprie recensioni

e le proprie critiche sugli autori preferiti!

 

Cosa aspetti? Scrivi per info a read.a.reader@gmail.com o collegati a http://macf.jimdo.com/progetto-read-a-reader/.

Inizia una nuova era dei lettori!!!

 

16 Aprile 2012

 

» Partecipa anche tu a Linea d’Arte e visita il mio stand! Ti aspetto con un ANGOLO DI LETTURA dal 16 al 22 di Aprile presso il Cinema Teatro Augusteo di Salerno. Ad aprile la MAGIA diventa REALTA’… Passaparola.

22 Marzo 2012

 

⁂ Che brutto tempo che fa! ⁂

Vi siete accorti che dovunque si guardi è brutto tempo? Vedi un bambino ed è malato, vedi un’auto ed è rubata, vedi un cane ed è abbandonato. Progressivamente un fastidioso nuvolone di pioggia grigia e grevi lamenti si sta dispiegando sull’Italia e sul mondo. Ma non è colpa del mondo: è colpa della “crisi dei valori” - ovvero: i valori ci mettono in crisi. Perciò: il bambino è malato? Che si curi da solo! L’auto è rubata? Il ladro ha agito bene, oggi tutti rubano! Il cane è abbandonato? Che importa, tanto non è un uomo, è una bestia. Adesso sorgano alti scranni di giudici imparziali perché stabiliscano in questa corte di empietà chi è più mostro, se il non-uomo o l’uomo bestia. Chi potrà mai essere più aberrante di uomo senza cuore e senza giustizia, che dichiarando irrimediabilmente persi i suoi valori smetta di difendere i diritti dei propri simili e i loro sentimenti, al fine del ricongiungimento con il suo antico morbo? Voi ditemi se costui, che regredendo di secoli e secoli di storia, quest’essere potenzialmente perfetto che vuole tendere verso l’imperfezione più perfetta e che dopo secoli di lavoro sul conseguimento del bene e delle virtù si getta a capofitto negli abissi di un “tanto c’è la crisi dei valori”, ditemi dunque, persone pensanti, se questo è un uomo. Se questo che, invece d’invocare il sole, si limita ad aprire l’ombrello per poi riparare solo se stesso, se questo che uccide sua figlia e schernisce suo padre, se costui che non ama la vita ma il suo effimero stomaco, che volentieri si ergerebbe a padrone del mondo anche se poi rimanesse l’unica creatura umana sul globo, che staccherebbe a morsi un pezzo di pianeta solo per il gusto di dire “L’ho fatto”, che pur di vantarsi del suo coraggio si uccide, avendo cura però che la sua morte continui a recare danno; ditemi se costui merita ancora tanti “Mi piace” sulla sua bacheca di Facebook, questo che per la popolarità venderebbe non solo la sua anima, ma tutte le anime dei suoi parenti fino alla millesima generazione, e farebbe mercanzia del suo stesso sangue in cambio di qualche commento positivo su Youtube!!! Ditemi voi, se, in quest’era del menefreghismo e della perdizione personale, vi piace ancora scrivere lettere d’amore agli assassini e mandare i vostri figli ai reality show, pascendoli come grassi suini lordi del fango che loro stessi si spargono attorno a sé! Ditemi se scrivereste “Mi piace” ad un un matricida che fa la vittima e che si scusa, ma non lo farà mai più. Quante altre madri ucciderebbe ancora, se fossero vive?? Come fate voi a saperlo??

Urge dissipare questa nuvola di maltempo. - Occhio ai tetti: non servono. - Tra poco diventerà così pesante da sfondarli e ucciderci. E poi ci sarà qualcuno che organizzerà party a tema in discoteca con divertenti gadget “in memoria delle vittime”.

 

5 Luglio 2011

 

Il piacere di scrivere

Se leggere è gradevole, scrivere spesso è un piacere ancor più grande. Mi spiego meglio.
Avete presente quelle giornate minacciose che c'invitano a rimanere chiusi nelle nostre camere, e che sembra parlino attraverso le loro gocce di pioggia, dicendo: "Oggi l'allegria è in vacanza"? Stamattina era una di quelle giornate. Mi sono seduta alla scrivania e ho incominciato a riflettere.
 

Spesso una buona storia, o semplicemente un buon concetto da esprimere, nasce dal nulla: da un'ispirazione improvvisa o da una considerazione. Quando scrivere non è obbligatorio, allora le parole scritte acquistano un sapore, un gusto tutto particolare, che è poi quello del genio e della pazzia fusi assieme.



Quando scrivo, io generalmente sogno. Mi capita d'incominciare a raccontare una storia partendo 
da un solo personaggio, o da una sola situazione iniziale, e non riesco a prevedere dove questi mi 
porteranno. Chiaramente, alla prima bozza segue sempre una revisione e una stesura vera e propria; eppure, in quei momenti di sogno "inchiostrato" mi diventa possibile capire che scrivere è davvero un piacere, un piacere innanzitutto intimo e personale, nonché diletto inesprimibile, che quando viene rielaborato diventa qualcosa di altamente artistico.
Tutte le storie, in effetti, hanno un'anima: un nucleo che fuoriesce dalla penna nell'ordine in cui i nostri pensieri si susseguono. E un corpo: la "forma" stilistica che assumono in seguito alla revisione, e che le rende eleganti.
Dunque, se si desidera scrivere, bisogna anzitutto sognare. E questo sogno può derivare da varie emozioni: la rabbia, la nostalgia, la tristezza, l'amore; qualunque cosa può fornire la giusta ispirazione, e il bravo scrittore è colui che sa coglierla.

Commenti: 0